Sessualità/abusi su minori. Col senno di poi…

Standard

 

“Il titolo del disegno era “disegna quello che è per te la gioia, la felicità”. Una bambina di quattro anni ha prodotto un disegno molto significativo durante una seduta sofferta. Disegna una principessa e associa questa storia: c’era una volta una principessa che aveva un vestito così bello…e ma poi aveva pure la testa ma prima non ce l’aveva perché è diventata grande senza la testa….ma quando è cresciuta , le è cresciuta la testa sopra al collo

Le ho chiesto dove fosse la gioia e lei ha proseguito così: E’ contenta di avere la testa, ma prima non era contenta. E’ andata dalla fata che le ha fatto una magia e le ha messo la testa. Senza la testa non poteva guardare, non poteva parlare, non poteva raccontare, senza niente non poteva chiedere. Dopo si sposa e ha i figli con la testa.

Io credo che la piccola abbia sintetizzato il risultato dei meccanismi difensivi delle vittime di abuso: togliersi la testa; ma ha anche espresso il desiderio di poterla far ricrescere affinchè possa guardare il dolore e contenerlo” – Marinella Malacrea, neuropsichiatra infantile e terapeuta familiare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...