Cile. Famiglia: “Violenza intra familiare”

Standard

.

Nel 2005 è stata pubblicata la nuova legge 20.066 che regola la violenza intra familiare con l’intento di dare a questo fenomeno una risposta più severa da parte dello stato. Senza entrare nei dettagli, ci sembra utile sapere che buona parte della materia è stata inclusa nel diritto penale e che è stato predisposto un registro dei condannati.

Sulla base delle nuove indicazioni (distinzione tra violenza fisica lieve e grave, violenza psicologica e sessuale) è stata condotta un’indagine sul alcune regioni (II, IV, Regiòn Metropolitana, IX, X e XI) su direttiva dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Intervistando un campione di donne dai 18 ai 49 anni è risultato che la X regione è quella più colpita da questo fenomeno (il 55% delle intervistate ha dichiarato di essere stata oggetto di violenza) e vanta il triste primato in tutte e quattro le tipologie di violenza. La XI regione, invece, tra quelle analizzate, registra una percentuale del 36%, inferiore alle altre. In tutte le regioni è la violenza psicologica la più presente con una percentuale che si avvicina o supera il 40%.

Nel 90% dei casi le vittime sono donne e si collocano nella fascia d’età tra i 30 e i 47 anni. Nella fascia 12-17 si colloca il 3%. Con l’introduzione della legge le denunce sono aumentate solo del 4,6%. Si noti che le donne anziane denunciano per lo più figli alcolisti e drogati.

Le vittime di regola vivono in coppia e si decide a denunciare il compagno/marito per tutelare i figli. Un terzo sono casalinghe mentre la percentuale maggiore sarebbe rappresentata da donne che lavorano fuori casa. Ciò potrebbe far affermare che un’occupazione fuori casa è una forma di tutela per la donna lavoratrice che, sentendosi più forte e autonoma, è meno disposta a sopportare i soprusi del maschio convivente.

Non ci sono dati esaustivi sulla tipologia e occupazione dell’aggressore anche se da più studi a livello mondiale si può concludere che la violenza è trasversale in tutte le classi sociali e occupazioni.

(fonte: “Violencia de gènero y la administraciòn de la justicia” – SERNAM 2012)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...