Cile. World Bank: “Scuola – quadro generale”

Standard

Quando i nostri figli arrivano in Italia e li portiamo a scuola, dobbiamo sempre ricordare da dove partono. Non possiamo pretendere che scavalchino le montagne, soprattutto se sono stati adottati già grandicelli e devono fare i conti con il gap liguistico e culturale.

Il Cile ha fatto notevoli passi avanti nell’Educazione garantendo l’istruzione di base ad una larga parte della popolazione, ma non offre un sistema scolastico di qualità. Più del 50% degli istituti sono privati e vi può accedere solo la parte benestante della società. Difficile anche l’accesso ad internet.

I maggiori elementi discriminanti sono il tasso di scolarizzazione dei genitori e il luogo dove il bambino/ragazzo abita (ogni regione attiva metodi diversi per aiutare le famiglie con minori opportunità). Le persone sono considerate fuori dal tasso di povertà se hanno entrate per $4.00 al giorno procapite; difficilmente riescono a raggiungere la classe media ($10.00 al giorno procapite) confermando una certa rigidità interna della struttura sociale.

Considerando l’ipotetico caso di due bambini nati nel 2009, in Cile, si può dare una chiara idea della discriminazione.

Patrizio è nato in campagna da genitori che non hanno completato la scuola primaria. Christian è nato a Santiago da genitori con studi superiori. Christian ha il doppio delle probabilità di andare alla scuola materna e di avere giocattoli adeguati durante i suoi primi anni di vita (3-5 anni). Avrà anche il 50% delle probabilità in più di avere un linguaggio adatto ad un bambino di 5 anni e il doppio delle opportunità di completare la scuola secondaria nei tempi previsti dai piani scolastici. Anche le prestazioni saranno ben superiori a quelle di Patricio.

Cristian vivrà in una casa con acqua corrente, servizi sanitari e computer, parteciperà alla vita politica (64% delle probabilità in più) e arriverà alla laurea con otto possibilità in più rispetto a Patricio. Potrà far parte della la classe media con il doppio delle probabilità rispetto all’altro bambino.

(fonte: “Monitoring Basic Opportunities throughout the Lifecycle with the Human Opportunity Index in Chile – World Bank maggio 2012)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...