Brasile. UNICEF: “La riduzione del lavoro minorile”

Standard

Tra il 1992 e il 2009, per quanto riguarda il diritto allo studio, le disparità di genere, tra campagna e città e regionali sono di molto diminuite, se non del tutto eliminate. Grazie all’aumento dell’età scolare, i bambini lavoratori fino ai 10 anni sono diventati una percentuale irrisoria. Per i bambini più grandi si registrano percentuali superiori, ma comunque in flessione rispetto agli anni passati.

La maggior parte dei ragazzi lascia la scuola dopo i 16 anni. Tra i 7-15 anni è ancora al lavoro il 7% dei ragazzini. Si tratta in genere di maschi, vivono in campagna e aiutano i genitori in agricoltura. Ovviamente, ci sono anche altre forme di lavoro irregolare. Magari alcuni vanno anche a scuola, ma la fatica del lavoro non lascia molta energia per concentrarsi sulle materie scolastiche e molto spesso rimangono indietro nei programmi.

Per la diminuzione del lavoro minorile sono state importanti i programmi messi in atto dalla politica. Bolsa Escola, per esempio, ha portato ad una diminuzione delle disuguaglianze e un aumento della frequenza scolastica con conseguente flessione del lavoro minorile. Inoltre è stata fissata a 16 anni l’età lavorativa dei ragazzi (prima era 14) e la richiesta della moderna industria di manodopera qualificata ha dato una nuova credibilità alla scuola vista ora come un investimento per il futuro.

Il 30% del calo del lavoro minorile è legato in primis alla crescita dell’istruzione dei genitori che si è rivelata la molla principale per l’inversione del trend. Ha aiutato anche il calo della povertà. che non ha più obbligato le famiglie a mandare i bambini a lavorare per integrare il magro bilancio familiare, e l’accesso all’acqua con relativo miglioramento dello stile di vita.

(fonte Unicef: “Understanding the Brasilian success in reducing Child labour: empirical evidence and policy lessons – giugno 2011)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...