Ricerca delle origini: “Ai genitori adottivi chi ci pensa?”

Standard

“Non è chi ti mette al mondo genitore.

Genitore è colui che ti sta vicino

 nonostante tu non sia nato dal suo ventre,

bensì dal suo cuore.”

Abbiamo scelto questo video perché creato da una delle nostre figlie ed è rassicurante per i genitori adottivi perché risulta chiaro che la ricerca delle proprie origini non necessariamente scaturisce da difficoltà di rapporto con la famiglia adottiva che ti ha accolto. Oltre a crescere figli altrui, placare le loro ansie e paure, instillare fiducia nel futuro, essere esempi viventi di un modo diverso di essere famiglia, noi famiglie adottive dovremmo accompagnare i figli nella ricerca delle origini. In questo caso stiamo parlando in generale, non di parto in anonimato, che merita uno spazio a sé che vedremo nei prossimi post.

L’accompagnamento è, secondo la nostra opinione, uno dei requisiti che dovrebbe essere richiesto al momento dei colloqui di preparazione della coppia.

.

In un nuovo contesto di “cultura dell’adozione” il genitore adottivo dovrebbe:

1) svelare delicatamente la storia e le origini al figlio

2) spiegare con modelli positivi la scelta/necessità di una madre di lasciare un bambino

3) accompagnare il figlio adulto nella sua ricerca deludente o meno

4) ricordarsi che un figlio, di solito, cerca le sue origini quando si sente forte e dobbiamo essere orgogliosi di avergliela trasmessa noi questa forza

5) facilitare la ricerca dei nostri figli che hanno il desiderio di sapere da dove vengono, dove affonda la loro radice. Solo in limitati casi nasce dai conflitti con la famiglia adottiva

6) meglio parlarne prima che facciano incontri non mediati sui social network

.

In definitiva, se voglio bene a mio figlio e voglio il suo bene dovrei

– accompagnarlo in questa ricerca del passato

– mediare i suoi sentimenti e i miei

– tutelarlo in caso di invadenze fuori luogo

.

Chi parla, però, ha adottato un bambino grande.

Come si fa con un bimbo che ha un buco nero alle spalle?

Abbiamo la competenza per farlo o l’adeguato supporto?

Ne abbiamo la forza? E’ giusto farlo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...