Ricerca delle origini: ”Cosa dice la legge italiana, diritti dell’adottato e diritto all’anonimato della madre”

Standard

Ad oggi la legge italiana (L183/1984 modificata in seguito) consente all’adottato di conoscere le sue origini:

–          al compimento del 25° anno di età

–          al compimento del 18° anno di età in caso di “gravi e comprovati motivi di salute”

–          mai se la madre ha partorito in anonimato (“al compimento del 100° anno”).

La corte Europea dei Diritti Umani ha condannato la legge italiana perché, secondo i giudici di Strasburgo, l’Italia tutelerebbe solo il diritto all’anonimato della madre a scapito del diritto di conoscere le origini del figlio.

 

  • Le motivazioni dei ragazzi che cercano

Ci sono quelli che riescono a convivere con quest’incognita ma c’è chi non ce la fa. Più che desiderio di sapere chi è la madre desidera sapere perché l’ha lasciato.

C’è chi cerca per sapere se ci sono casi di malattie ereditarie in famiglia. Si tratterebbe di un legittimo diritto alla salute.

Chi lo fa perché viene a sapere di essere adottato in età adolescenziale e rimane scioccato dalla rivelazione. Necessita di capire meglio e ricomporre i tasselli della sua storia.

In buona parte dei casi lo scopo è quello di trovare maggiore equilibrio dentro di sé.

…..

  • Le motivazioni dell’anonimato delle mamme

C’è chi desidera rifarsi una vita e non vuole sentir parlare di un episodio passato. Parliamo di casi particolari e delicati come maternità causate da violenze, o dettate da problemi economici gravi o da situazioni di dipendenza da alcool e droga, oltre che da prostituzione.

C’è chi è stata costretta a lasciare il suo bambino perché allora era minorenne e in una certa epoca avere un figlio fuori dal matrimonio era un disonore.

C’è chi potrebbe approfittare della solitudine e della disperazione di una donna per offrirle strade alternative, ad esempio, vendere il figlio. L’anonimato potrebbe coprire il traffico di bambini.

C’è invece chi può tenere una porta aperta perché lasciare un figlio è sempre un gran trauma anche per la madre e il desiderio di conoscerlo può crescere ogni giorno di più.

……….

  • Cosa si chiede alle istituzioni

Non crediamo sia semplice da parte di un legislatore domare una materia tanto variabile e delicata. La proposta di legge presentata dalla deputata PD Luisa Bossa si avvicina a quella francese. La Francia ha superato il diritto all’anonimato della madre concedendo la reversibilità della decisione, consentendo alla madre di rivedere la sua posizione di genitrice anonima. In questo modo è libera di togliere l’anonimato in qualsiasi momento. Ebbene si è potuto osservare che su 100 genitori cercati, metà vengono identificati, di questi la metà accetta di togliere l’anonimato.

La soluzione francese richiede la costituzione di un ente ad hoc che

1)   raccolga i dati

2)   li divida tra dati accessibili e dati non accessibili (in anonimato)

3)   accompagni, con supporto psicologico ante e post, i ragazzi e famiglie alla ricerca della genitrice che in qualsiasi momento può togliere l’anonimato.

In UK, Svezia e Spagna sono i servizi sociali a curare la mediazione localizzando la mamma di origine e, su suo consenso, mettendola in contatto con l’adottato.

In Italia si chiede la reversibilità dell’anonimato una volta che il figlio, compiuti i 25 anni, desideri conoscere la madre di nascita. Solo con il suo consenso potrà esserci l’incontro. Viene quindi salvaguardato il diritto della madre e si va incontro alle esigenze del figlio. La nuova legge se verrà approvata non obbliga quindi a cercare la mamma di origine, è solo un’opportunità per chi lo desidera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...