Ira e rabbia. Mamma Patty: “Vorrei capire la sua sofferenza”

Standard

“Il mio piccolo principe è entrato nelle nostre vite a maggio del 2011 a poco meno di tre anni. E’ un bambino molto intelligente e molto coccoloso… vuole essere aiutato a fare tutto … ha molta paura di essere nuovamente lasciato. Continua a chiedere:”Mamma non scappa vero? Mamma vuole bene anche se faccio tanti capricci?” e si mette il mio pigiama perchè è magico e fa passare tutti i brutti pensieri le paure e le cose brutte…

Però ragazze… ci sono giornate in cui piange per 5-6 ore di fila; giornate in cui ha crisi di rabbia paurose incontrollabili dove picchia scalcia sputa dove riesce a dirti le peggio cose che una mamma può sentire.

E’ molto arrabbiato… fatica a lasciarsi andare. A volte davvero è dura… perchè talvolta perdo la pazienza e mi sento davvero la peggiore mamma del mondo. Ho deciso di stare a casa dal lavoro fino ad ottobre. Le giornate a volte sono interminabili e niente sembra consolarlo. Mi ha detto che io l’ho lasciato quando è nato e poi sono andata a riprenderlo… mi ha detto: “Mamma io sono tanto arrabbiato con te perchè io ti chiamavo e piangevo e tu non sei mai venuta”… vorrei prendere un po’ della sua sofferenza e caricarla sulle mie spalle…”

(fonte: forum AIBI)

Annunci

»

  1. Straziante… Sono un futuro papà adottivo ed ho bisogno di sentire testimoniata la missione difficile dell’adozione, ma anche l’amore che c’è dietro. In questa testimonianza sento soprattutto tanto amore. Grazie per la condivisione.

  2. Su questo blog cerchiamo di non essere sdolcinati e soprattutto di selezionare esperienze che possano lasciare una traccia in chi legge. Alle coppie che stanno per adottare sta la sensibilità di cogliere dietro alle difficoltà l’amore dei genitori e i passi compiuti dai ragazzi. Mi ha colpito molto la testimonianza di una mamma che chiedendomi da quanti anni avevo adottato (allora sei anni) mi ha sorriso e mi ha detto: “Io ho cominciato a sentire mio figlio davvero mio dopo 20 anni che era entrato in famiglia”. Questa te la dice lunga sulle incomprensioni, le tensioni….poi se le cose vanno dal verso giusto arriva quel giorno in cui ti accorgi di avere la famiglia che volevi, con dialogo e affetto, come si fa tra persone civili. E allora sorridi ai brutti tempi passati, sperando che non ce ne siano più. Impari una grande lezione di vita che è quella di apprezzare il presente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...