Adozione etica. L’esperto: “I genitori devono farsi aiutare a capire i bambini feriti”

Standard

di Luigi Cancrini – psichiatra e psicoterapeuta

Luigi Cancrini da quarant’anni segue il mondo delle adozioni aiutando centinaia e centinaia di coppie. E’ considerato uno dei massimi esperti in Italia. Il problema che va sollevato in questa sede è che molto spesso non ci sono operatori preparati ad aiutare le famiglie nei casi difficili e le famiglie sono costrette ad improvvisare. Per questo è importante non isolarsi e far parte di una rete di famiglie in grado di trasmettere la loro conoscenza sul campo.

(…) Parliamo di bambini che, oltre al trauma famigliare, associano anche dei deficit motori e mentali perchè sono stati trascurati.

E’ così. Spesso hanno difficoltà di linguaggio, magari non hanno mai svolto attività sportiva. Hanno problemi motori, quindi necessità di sostegno terapeutico. Insomma bambini poco curati che quando arrivano nelle case famiglia devono anche subire le ristrettezze economiche, le stesse che non consentono un lavoro adeguato per recuperare i diversi ritardi.

Il pubblico non sopperisce…

Per due bambine che avevano necessità di un logopedista la lista era lunga da sei a dodici mesi.

E come avete fatto?

A volte con i volontari. Ribadisco: sono bambini problematici. Pensate all’impegno che ognuno riversa verso un proprio figlio. In questo caso le responsabilità si moltiplicano, ci vuole una grande elasticità.

Come in particolare?

Le faccio un esempio: se un adolescente ti rivela che si fa di spinelli, l’errore più grande è mettersi in posizione repressiva e chiusa. Si rischia di far vincere la provocazione.

E invece?

La questione è un’altra: la preparazione delle famiglie adottive e affidatarie.

A cosa si riferisce?

Al fatto che non si rendono conto di un aspetto: chi entra in casa è un bambino ferito da curare; bambini segnati duramente. Il terapeuta sa che ad un certo punto il piccolo ha subito delle violenze nel suo passato, può tirargli degli oggetti, o tentare di buttarsi dalla finestra, ma il genitore è pronto a questa manifestazione?

Il percorso per ottenere un bambino aiuta o no?

E’ come una scrematura.

Molti dicono eccessivamente dura.

Dovrebbe essere peggio. Gran parte di chi valuta la coppia, si accontenta di una stabilità economica o di una normalità comportamentale. Mentre bisognerebbe dire, a chi vuole ottenere un figlio, che avrà bisogno di aiuto.

Non è preferibile una famiglia”imperfetta” ad una casa famiglia?

Una casa famiglia organizzata è un buon luogo, dove il bambino non è solo.

Quali sono i disturbi principali che riscontra nei piccoli?

Fisici. Poi traumatizzati perché sono stati abbandonati, violentati.

Durante la crescita, è giusto raccontare o rivelare al piccolo da dove arrivano le sue sofferenze?

Il bambino deve essere aiutato a ricordare, a ricostruire quello che gli è accaduto e gli accade. Certo, nei limiti del possibile, nelle adozioni internazionali è più complesso.

In che modo?

Le spiego: al piccolo si possono dare due diverse letture di una medesima vicenda. O che la madre è una stronza che fa figli con chi gli capita, per poi abbandonarli. Oppure gli si può dire: se tu sei nato c’è stata una donna che in condizioni difficili, per nove mesi, ti ha portato con sé. Ed è un grande atto di amore. Questa persona è stata così brava a pensare a te, invece che a lei, e ha cercato una persona più adatta per crescerti.

(…) Quanto è alto il rischio di rifiuto dei genitori adottivi?

C’è. Eccome. Verso i 14-15 anni. Soprattutto se la coppia non capisce che il figlio non è completamente loro, non accetta la sua storia, le differenze. Ancora di più nei casi di bambini adottati all’estero

(fonte: Il Fatto – 14/01/2013)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...