Comunicazione AIBI: “Corso per genitori su come gestire abusi e maltrattamenti – Mestre”

Standard

Aibi ripropone il corso per genitori che si stanno avvicinando all’adozione sulla gestione di situazioni in cui emergano dubbi su maltrattamenti e abusi. Ne abbiamo parlato già su questo blog il 1 giugno 2012 (inserire “abuso” in “cerca” qui a lato).

Abusi e maltrattamenti

giovedi 4 aprile 2013

 dalle 17.00 alle 20.00

Mestre (Ve) via Querini 19/A

.

Locandina_abuso e maltrattamento. File pdf 175 KB

Per informazioni:

sede veneta di Ai.Bi. Amici dei Bambini

Tel: 041.5055496

Mail: mestre@aibi.it

.

Saremmo lieti di conoscere l’opinione di coppie che hanno frequentato questo corso per sapere che cosa ne pensano.

Annunci

Una risposta »

  1. Questa proposta mi lascia “ perplesso “ proprio perché fatta da Ai.Bi,
    Ente che si propone come esempio e modello nell’accompagnare la coppia in tutto il percorso adottivo.

    Durata: 3 ore (dalle 17.00 alle 20.00 circa).
    Target:
    coppie in attesa, coppie all’inizio del percorso,che si stanno interessando dell’adozione di bambini che potrebbero provenire da situazioni di violenze, maltrattamenti, trascuratezza e abusi, sia fisici che psicologici (conosciuti già nella scheda di abbinamento, o emersi più avanti).

    Conduttori: Psicologo.

    Contenuti:
    i bambini in stato di abbandono spesso sono stati vittime di abusi e maltrattamenti.
    Vogliamo comprendere come gestire le conseguenze psicologiche, emotive, comportamentali e relazionali di un bambino che proviene da questa realtà.
    I partecipanti saranno aiutati a rendersi consapevoli di cosa significhi accogliere un bambino che ha subito maltrattamenti e a trovare in sé le adeguate risorse per farvi fronte.
    Il corso permette alle coppie di confrontarsi con le possibili difficoltà riscoprendo le necessarie risorse per essere genitori di un figlio che può portarsi dietro un passato molto pesante.

    …………….oooooo00000000000ooooooooo……………

    a- un tema cosi delicato e complicato non si può trattare in 3 ore mettendo insieme coppie che si stanno avvicinando all’adozione con coppie che hanno già avuto l’abbinamento con un “probabile” bambino abusato.

    b- per le coppie che sono all’inizio del percorso questi sono temi che dovrebbero rientrare nel normale programma di preparazione della coppia con i professionisti dell’ente stesso, proprio nel percorso di conoscenza, accompagnamento e maturazione delle tematiche insite nell’adozione internazionale.

    c- per le coppie che hanno un abbinamento (o lo scoprono dopo) con un bambino abusato, occorre una preparazione mirata ed individualizzata sul singolo caso in funzione della coppia e della specifica storia di quel bambino.

    d- sono sempre più convinto che prima di trattare della violenza e dell’abuso in modo generico, la coppia deve essere messa a conoscenza del contesto socio culturale in cui il bambino vive, (conoscenza del paese, delle tutele messe in atto in quel paese a difesa dei minori, tipo di istituti d’accoglienza, affidamento momentaneo a famiglie, ecc…. ) ed in cui vivono le famiglie d’origine.
    Da qui partire per approfondire il tipo di disagio e violenze subite, poi proporre i modi e tempi per affrontare il problema.
    Mettere in campo il “mediatore culturale”.. ed essere vicini alla coppia .

    Enrico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...